giovedì 31 dicembre 2009

Quando Topolino e Paperino andarono sulla Luna

Quando Topolino e Paperino andarono sulla Luna

10 ottobre - marzo 2010

A LUCCA, GALILEO OSSERVA L'UNIVERSO DISNEY

Da sabato 10 ottobre 2009, Lucca ospita nel prestigioso Palazzo Guinigi una grande mostra Disney, organizzata dal Comune di Lucca, - assessorato alle biblioteche e ai musei - a cura del Museo italiano del Fumetto e dell'Immagine, in collaborazione con The Walt Disney Company Italia.
La rassegna, si unisce alle tre esposizioni già inaugurate sotto il titolo "Il MUF, la casa della fantasia dove tutti i giorni è il giorno del fumetto", a palazzo Guinigi.

La rassegna presenta tavole originali, riproduzioni, schizzi e bozzetti inediti, sagome, incontri e performance di taglio didattico-divulgativo, articolate attraverso vari appuntamenti.
La mostra di Palazzo Guinigi, concepita nell'ambito della celebrazioni galileiane che hanno già varato nella scorsa primavera la mostra intitolata "E lucean le stelle...", comprende tre diverse sezioni strettamente collegate fra loro: "Quando Topolino e Paperino andarono sulla luna", "La Toscana di Messer Papero e di Ser Paperone", "Topolinia 20802".

[vai alla galleria "Anteprima immagini della mostra"]


QUANDO TOPOLINO E PAPERINO ANDARONO SULLA LUNA

La prima sezione è strettamente collegata all'iniziativa "E lucean le stelle...", e si avvale anche di un ricco catalogo illustrato: "Verso Selene - Il romanzo dell'uomo sulla luna, dall'immaginazione alla scienza" (MUF, Settegiorni Editore). La mostra propone una rassegna di storie, tutte realizzate da sceneggiatori e disegnatori italiani, nelle quali i principali personaggi dell'Universo Disney si cimentano con [continua nel sito del Museo del Fumetto di Lucca]

Messer Papero e il Ghibellin fuggiasco

Messer Papero e il Ghibellin fuggiasco

10 ottobre - marzo 2010


A LUCCA, GALILEO OSSERVA L'UNIVERSO DISNEY

Da sabato 10 ottobre 2009, Lucca ospita nel prestigioso Palazzo Guinigi una grande mostra Disney, organizzata dal Comune di Lucca, - assessorato alle biblioteche e ai musei - a cura del Museo italiano del Fumetto e dell'Immagine, in collaborazione con The Walt Disney Company Italia.
La rassegna, si unisce alle tre esposizioni già inaugurate sotto il titolo "Il MUF, la casa della fantasia dove tutti i giorni è il giorno del fumetto", a palazzo Guinigi.

La rassegna presenta tavole originali, riproduzioni, schizzi e bozzetti inediti, sagome, incontri e performance di taglio didattico-divulgativo, articolate attraverso vari appuntamenti.
La mostra di Palazzo Guinigi, concepita nell'ambito della celebrazioni galileiane che hanno già varato nella scorsa primavera la mostra intitolata "E lucean le stelle...", comprende tre diverse sezioni strettamente collegate fra loro: "Quando Topolino e Paperino andarono sulla luna", "La Toscana di Messer Papero e di Ser Paperone", "Topolinia 20802".

[vai alla galleria "Anteprima immagini della mostra "]

LA TOSCANA DI MESSER PAPERO E DI SER PAPERONE

La seconda sezione della mostra
punta il cannocchiale sul Medioevo toscano, sul Rinascimento e sulla scoperta del [continua nel sito del Museo del Fumetto di Lucca]

Galileus di Sergio Toppi al Museo del Fumetto di Lucca

Galileus

Una grande mostra che ospita tutte le tavole riguardanti una inedita storia a fumetti incentrata sul personaggio di Galileo Galileo (nell'anno delle celebrazioni a lui dedicate) personaggio storico le cui vicende vengono rivisitate nella immaginifica trasposizione grafica del grande Sergio Toppi da un'idea di Angelo Nencetti. Le vicissitudini di un uomo che accampa la forza del suo pensare in una società dove la persuasione è occulta ed è vietato ragionare con il proprio cervello. Una storia fantastica non tanto diversa da certa quotidiana realtà. Un vero capolavoro grafico\narrativo di sintesi e contenuto realizzato da un grande dell'arte sequenziale italiana.

Esposizione presso il Museo del Fumetto di Lucca - Piazza S.Romano n.7 - Lucca

dal 29 Dicembre 2009 al Marzo 2010

La presente storia si è potuta realizzare grazie al contributo della Regione Toscana.

[dal sito del Museo del Fumetto di Lucca]

E lucean le stelle... prorogata fino al 31 marzo 2010

E lucean le stelle...

Viaggio per immagini e fumetti dal macrocosmo Galileiano al microcosmo di Einstein

2 maggio - marzo 2010

Visto il successo della grande mostra, la stessa viene prorogata fino al 31 marzo 2010.

"E lucean le stelle..." è il più completo tributo alla scienza – oltre 400 tavole – fatto dall’arte del fumetto.

[Visita il sito della rassegna: www.eluceanlestelle.it]

Attraverso l'utilizzo del fumetto quale strumento divulgativo didattico nonché grande mezzo di comunicazione di massa, si è voluto sviluppare un percorso sia espositivo che editoriale per divulgare e offrire visibilità agli studi e alle osservazioni scientifiche compiute dai tempi di Galileo ai giorni nostri.
In particolare, la figura di Galileo ed il suo metodo di ricerca ed osservazione scientifica sono stati proposti come il cardine centrale dell'intero progetto, oltremodo arricchito attraverso l'apporto di storie a fumetti inedite di taglio realistico e fantasioso.

[vai alla galleria "Anteprima immagini della mostra"]

"E lucean le stelle..." è stato pensato come un contenitore espositivo volto ad ospitate oltre 6 grandi mostre tematiche nelle quali è stato sviluppato il tema della "coscienza della scienza" attraverso le storie a fumetti realizzate dai maggiori disegnatori internazionali del settore.

Un fantasioso personaggio di nome [continua nel sito del Museo del Fumetto di Lucca]

Bilbolbul 2010: Giacomo Monti

Giacomo Monti è un autore che in pochi anni è riuscito ad imporsi nel panorama contemporaneo con un immaginario narrativo preciso e un segno chirurgico nella sua descrittività. Dal 2004 ha pubblicato disegni e fumetti principalmente su “Canicola” e su altre riviste come “Hamelin”, “Lo straniero”, “Glömp” (Finlandia), “Strapazin” (Svizzera), “Graffiti” (Brasile) e alcune cartoline a fumetti sul settimanale “Internazionale”.
La sua cifra stilistica è il racconto breve. Le sue storie si dipanano in poche pagine, dieci, sei, anche due tavole se sono sufficienti per coinvolgere il lettore. Le vicende che narra sono di persone comuni, ragazzi di provincia, baristi, camerieri, contadini, prostitute, ripresi in un frammento “qualsiasi” della loro esistenza che riesce impietosamente a mostrarci con vivida chiarezza la loro miseria di uomini e donne qualsiasi. Monti mira all’essenzialità, bandisce le dilatazioni inutili e come i grandi maestri della scrittura breve distilla solo ciò che è necessario per descrivere un ambiente, una persona, un personaggio. Nelle storie più recenti il fantastico invade il quotidiano, e magari sono proprio i toni della sua normalità che ci spaventano fino a [continua su Bilbolbul]

Bilbolbul 2010: Koren Shadmi


Koren Shadmi è un fumettista e illustratore israeliano cresciuto nella bottega di Uri Fink, vera e propria star del fumetto in Israele, dove esordisce con la sua prima graphic novel a soli 17 anni, per poi diplomarsi alla School of Visual Arts di New York. Come per molti autori israeliani come Rutu Modan o Batia Kolton la sua prospettiva lavorativa è internazionale, in particolare statunitense. Shadmi pubblica regolarmente per numerose riviste americane come il “New York Times”, “Village Voice”, “Billboard Magazine”, “Spin” e “Plenty Magazine” disegni e illustrazioni con stili incredibilmente eclettici.
Quando sceglie il fumetto, Shadmi si misura solitamente con il bianco e nero e il racconto breve, modalità narrativa che gli permette di indagare temi e ossessioni che spesso ritornano nella sua opera. In Italia sono state pubblicate due antologie di racconti: In carne e ossa (2008) e Anatomia del desiderio (2009) da Double Shot, che si differenzano per stile e contenuto.
In carne e ossa è un percorso che riflette sulla fisicità delle nostre identità e sulle relazioni con il prossimo. I personaggi palesano una dissociazione dal loro corpo e soprattutto dalla percezione che [continua su Bilbolbul]

mercoledì 30 dicembre 2009

Spider-Man e X-Men di Mario Alberti


Spider-Man & X-Men di Mario Alberti.

Mostra delle tavole originali di Mario Alberti dal volume Spider-Man & X-Men edito da Panini Comics.

Dall'1 al 30 gennaio 2010

Comixrevolution
Galleria Fanzago 19
Bergamo

L'autore presenterà il volume sabato 30 gennaio 2010 a partire dalle ore 16.

Galleria di tavole di Spider-Man & X-Men.

Bilbolbul 2010: Marc Boutavant

Marc Boutavant, illustratore francese nato a Digione nel 1970 è di certo uno degli autori per l'infanzia più interessanti in questo momento in Europa (a lui Martin Salisbury dedica la copertina del suo ultimo libro Play Pen, una ricognizione sugli illustratori più importanti degli ultimi anni).
In Italia il suo primo libro completo esce per Fabbri nel 2007, Il giro del mondo di Mouk in bicicletta e con gli adesivi: un universo visivo mirabolante e stroboscopico, in cui un orsetto bruno munito di i-pod e computer si avventura in un grand tour del mondo in sella alla sua bicicletta.
Boutavant dipinge un mondo saturo di colori, tinte piatte e sgargianti, con oggetti, piante, alberi, fiori, azioni, particolari nascosti e soprattutto animali antropomorfi protagonisti, che ci riportano immediatamente all'opera di Richard Scarry, un antenato visivo importante per il nostro autore. Altra cifra stilistica che li avvicina è il gusto per la rappresentazione del particolare, in Boutavant portato all'estremo, con [continua su Bilbolbul]

lunedì 28 dicembre 2009

Bilbolbul 2010: Liniers

Liniers, pesudonimo di Riccardo Siri, è nato a Buenos Aires nel 1973. Il nome deriva da Santiago de Liniers, viceré quando l'Argentina era una colonia, finito fucilato dai francesi. Scelta curiosa, ma per Liniers, superstar del fumetto argentino umoristico, la linea tra due punti non è mai quella retta e, se i personaggi non hanno un nome adeguato a quello che sono, tanto meglio.
Il suo ingresso nel mondo del fumetto e delle comic strip passa attraverso la figura di Maitena, vignettista e disegnatrice argentina di comic strip, affermata da tempo e pubblicata anche da noi, che lo scopre e introduce nelle redazioni. La striscia che l’ha reso famoso anche fuori dal suo paese natale e con la quale ha esordito nel 2002 sulle pagine del quotidiano argentino “La Nación” si intitola Macanudo (cioè “Fantastico” in slang castellano), e in Italia è pubblicata [contonua su Bilbolbul]

sabato 19 dicembre 2009

Spaghetti Grafica 2

COMUNICATO STAMPA
Spaghetti Grafica 2
Contemporary Italian Graphic Design
26 novembre 2009 - 10 gennaio 2010
Triennale di Milano

Triennale Design Museum e Ministero della Grafica presentano
Spaghetti Grafica 2, una grande collettiva dedicata alla grafica italiana, che vede la partecipazione di un selezione di 95 studi fra quelli che, nello scorso gennaio, hanno aderito al secondo bando
di concorso lanciato dal Ministero della Grafica.
Attraverso 125 progetti selezionati tra i 1300 arrivati da tutte le regioni d’Italia, la mostra è un viaggio alla scoperta della grafica italiana, che ne documenta gli sviluppi recenti e la capacità di
rinnovarsi costantemente portando avanti una grande tradizione.
L’allestimento prevede una divisione in tre spazi: un’area progetti con la selezione dei lavori, un’area di incontro e scambio dove consultare i portfolio dei singoli studi, una mostra fotografica con immagini scattate dai designer dentro il loro ambiente di lavoro.
La mostra si presenta come un grande racconto di progetti e di esperienze dove è possibile vedere, approfondire e scoprire il backstage di ogni lavoro.

Si tratta di un racconto corale fatto di immagini, segni e pittogrammi che diventano i principali protagonisti.
La mostra e il libro Spaghetti Grafica 2 sono la diretta prosecuzione del volume Spaghetti Grafica, a cura del Ministero della Grafica, il primo libro che ha censito ufficialmente il
panorama della grafica in Italia, e forniscono un’occasione a curiosi, addetti ai lavori e appassionati di confrontarsi sul tema della grafica italiana contemporanea.
La collaborazione col Ministero della Grafica si colloca in un percorso di analisi, valorizzazione e promozione della nuova creatività italiana che Triennale Design Museum sta portando
avanti, sulla linea del censimento e dell’omonima mostra The New Italian Design (che già nel 2007 proponendo una ricognizione del nuovo design italiano aveva selezionato 22 progettisti
nell’ambito del graphic design), del progetto Prime Cup e del ciclo di mostre del CreativeSet.

Designer selezionati:
&1 lab, 45gradi, Accademia di Belle Arti - Urbino, Alessandro Busseni & Stefano Temporin, Alessandro Costariol, Alizarina, Andrea Geremia, Aartiva design, BCPT associati, Bellissimo,
Bonsaininja Studio, Bunker, Canefantasma, Cdm associati, CLAC srl - Laboratorio Multimediale, Co.Mo.Do. Comunicare Moltiplica Doveri, Cristina Chiappini, Davide Falzone e Daniele Ghiraldini,
Deft design gruppe, Dissociate, DM+B&Associati, Donatello D’Angelo, Due mani non bastano, Ed Testa Design, Elena Giavaldi, Elyron.it, Emmaboshi, Esploratori dello spazio, Filippo Nostri,
Francesco Franchi e Luca Pitoni, Francesco Pirro, Ginette Caron Communication Design, Grooppo.org, Happycentro, Heartfelt, Iceberg, Ifix, Iknstudio, Istituto Superiore per le Industrie
Artistiche (ISIA Urbino), Jekyll & Hyde, Josephrossi, JVLT/JoeVelluto Studio, Kalimera, Lalalab, Laura Bortoloni, Lcd, Leftloft, LLdesign, Ma:design, Maddalena Pignatiello, Makkiadesign / fleka, Manu7, Margodesign, Marina Turci progetti di comunicazione, Mauro
Bubbico, Michele Cecchini, Miulli associati, Molly&partners, Mood magazine, Mousse magazine, Multisize/ConTesta, Nasonero, O zone, Ondesign, Permezzografico, Philipp Heinlein, Piero Di Biase Graphic Design, Sabato Urciuoli, Sartoria.com / Longe Design, Sic et simpliciter, Stefano Rivolta, Stefano Tonti, Studio cheste, Studio FM milano, Studio Kmzero, Studio Sancisi, Studiocharlie, Studiofluo, Studiolow, Subtitle, Thomas berloffa design studio, Tonidigrigio, Twister design e comunicazione srl, Undesign, Zagù associati, Zaven, Zetalab, Zup associati.

Spaghetti Grafica 2
26 novembre 2009 - 10 gennaio 2010
Triennale di Milano
Coordinamento generale Silvana Annicchiarico
A cura del Ministero della Grafica
Catalogo Electa
Orario martedì-domenica 10.30-20.30
giovedì 10.30-23.00
www.triennaledesignmuseum.it
www.ministerodellagrafica.org

Bilbolbul 2010: Lorenzo Mattotti

Nato nel 1954 Lorenzo Mattotti è tra i grandi autori contemporanei, un disegnatore eclettico che del cambiamento ha sempre fatto la propria poetica espressiva. Che si tratti di storie o vicende da narrare, di ossessioni da indagare o committenza da soddisfare, Mattotti cerca sempre nuove strade che possano stimolarlo nella creazione e, se possibile, mostrargli nuove visioni da interrogare per capire se stesso e la realtà che lo circonda. Instancabile creatore di immagini e di immaginario, Mattotti ama cambiare e sperimentare anche con linguaggi e tecniche diverse: disegni sul taccuino, fumetto, illustrazione, pittura, con cui cerca di raccontare con e oltre la singola immagine.
Nei tanti suoi fumetti, siano essi dipinti con la ricchezza cromatica dei pastelli (primo fra tutto l’insuperabile Fuochi del 1984 che ha mostrato le enormi potenzialità evocative del fumetto) o siano graffiati e incisi con il tremolio del pennino, il paesaggio è sempre una presenza centrale. Che si tratti della pianura umida che avvolge le avventure di Huckleberry Finn, delle praterie verdeggianti e oniriche de La zona fatua o dei neri grovigli di Chimera, il paesaggio è spesso [continua su Bilbolbul]

Bilbolbul 2010: Emmanuel Guibert

Emmanuel Guibert, parigino classe 1964, appartiene a quella generazione di autori che negli anni Novanta hanno rinnovato il panorama editoriale d’Oltralpe. Artista curioso ed eclettico, si è misurato con progetti differenti collaborando sia come disegnatore che sceneggiatore con David B., Joann Sfar e Marc Boutavant. Con alcune delle ultime opere ha approfondito temi storici e affrontato una personale forma di reportage capace di far interagire con successo il fumetto e la fotografia.
La mostra è inedita in Italia, e si concentra su Il fotografo (Lizard, 2004/2007), capolavoro in tre volumi, che si basa sull’esperienza in Afghanistan negli anni della guerra russo-afgana, del fotogiornalista Didier Lefèvre, attivo al seguito della spedizione di Medici Senza Frontiere.
L’opera è una particolare forma di graphic journalism, dove il [continua su Bilbolbul]

Emmanuel Guibert mostra come ha realizzato La guerra di Alan (video).
Recensione de La guerra di Alan.

Bilbolbul 2010: David B - Viaggio in Italia

David B., uno dei maestri del fumetto d’Oltralpe, con la sua ultima opera Journal d’Italie conferma l’originalità e la ricchezza del suo percorso artistico, confrontandosi con l’intimità narrativa del diario ma senza scadere in uno sterile autobiografismo.
Il primo volume della serie Journal d’Italie, sottotitolato Trieste Bologna, uscirà in Francia nel gennaio 2010 per la casa editrice Delcourt. Un affascinante carnet de voyage in cui l'autore esplora alcune città italiane (Bologna, Trieste, Venezia, Parma), soffermandosi [continua su Bilbolbul]

Bilbolbul 2010: Ben Katchor

Ben Katchor è nato nel 1951 a Brooklyn, New York, dove vive e insegna alla New York School of Arts. Oltre a disegnare strisce (come The Cardboard Valise e Hotel & Farm.) e tavole a fumetti per i principali quotidiani e riviste statunitensi dal 1988, è uno degli autori americani di graphic novel più significativi nel panorama internazionale del fumetto e collabora inoltre nella produzione di importanti pieces teatrali. Nel 1995 ha ricevuto una sovvenzione dal Guggenheim Memorial Foundation, e nel 2000 è stato il primo fumettista in assoluto ad essere premiato col prestigioso Mac Arthur-Genie Prize, che viene assegnato agli artisti americani che si sono distinti per la qualità della loro opera. Per il teatro, nel 1999, ha scritto il libretto e disegnato le scene per l’opera The Carbon Copy Building che ha ricevuto l’Obie Award per la “migliore nuova produzione”.
Katchor è un autore dall’immaginazione fervida che riesce a sondare il mistero del quotidiano attraverso uno sguardo che ama le cose bizzarre, piccole e laterali. La sua narrazione è spesso imprevedibile, ricca di aneddotica e intrecci, si caratterizza per essere sintetica e [continua su Bilbolbul]

Bilbolbul 2010: Paolo Bacilieri

Paolo Bacilieri è una delle voci più originali e innovative del fumetto italiano, un autore in grado di spaziare dal fumetto di ricerca alla dimensione del seriale ma sempre affermando la propria traccia stilistica. Soprattutto nelle avventure dell’alter ego Zeno Porno, attraverso storie in bilico tra il metaforico e un fantastico quotidiano, Bacilieri ci avverte sulla precarietà e la complessità del vivere contemporaneo.
Bacilieri ha interiorizzato la lezione di alcuni grandi del fumetto come Chester Gould e Robert Crumb, Andrea Pazienza, Milo Manara, rielaborando il tutto in uno stile che si è evoluto graficamente verso [continua su Bilbolbul]

venerdì 18 dicembre 2009

Siamo tutti pedoni

Le vignette di Altan, Staino, Vauro, Giannelli, Giuliano e le parole di Piero Angela, Licia Colò, Carlo Lucarelli in mostra a Bologna per ricordarci che “Siamo tutti pedoni”.

Dante che attraversa “l’inferno” di una strada trafficata, Cappuccetto Rosso che va a far visita alla nonna e preferisce passare per il bosco piuttosto che per la carreggiata in cui sfrecciano le auto, perché “al massimo incontra il lupo”. Questi alcuni degli scenari, un po’ grotteschi, un po’ spassosi delle vignette che descrivono i guai dei pedoni e la loro vita piena di insidie. Eppure "siamo nati per camminare" e anche chi è alla guida di un’automobile è solo momentaneamente un non pedone. A ricordarcelo la mostra “Siamo tutti pedoni” che viene inaugurata sabato 19 dicembre all’Archiginnasio di Bologna: filo conduttore dell’esposizione l’ironia delle più importanti matite italiane che, oltre a strappare un sorriso amaro, invitano il visitatore alla riflessione e all’adozione di comportamenti più responsabili sulle strade.

In Italia, ogni anno, vengono uccisi più di 600 pedoni e oltre 20.000 vengono feriti. Tra i più colpiti gli anziani, oltre il 50% delle vittime infatti ha più di 65 anni. Questa strage che non è dovuta né al caso nè alla fatalità, può essere ridotta drasticamente: basterebbe semplicemente rispettare le regole. E’ significativo che quasi il 30% dei pedoni perde la vita mentre attraversa la strada sulle strisce.
Camminare sulle strade italiane non è facile mentre sulle strade di altri paesi europei il pedone è sacro. Accanto alle vignette, anche volti e parole dei personaggi che firmano messaggi di buon senso, per invitare a rispettare il pedone e a riscoprire questo antico ma spesso poco considerato mezzo di trasporto: i piedi.

Da Siamo tutti pedoni

mercoledì 16 dicembre 2009

Evolution Concept Store


Brandstorming Gallery
Evolution Concept Store
dal 17 al 31 dicembre 2009
Via Corsico 3 (zona Navigli)
Milano

DD Expo 2009

DD Expo 2009

Bar libreria KNULP
Via Madonna del Mare
Trieste
www.knulp.it

domenica 13 dicembre 2009

Tradate anno uno - Un segno per ogni stagione

L’evento “TRADATE ANNO UNO – UN SEGNO PER OGNI STAGIONE”, nasce da un semplice ma fondamentale quesito: in un’epoca dove le esigenze sono sempre più articolate ed i fondi a disposizione sempre meno, come poter coniugare la pressante necessità di far vivere il proprio territorio ed il proprio patrimonio culturale promuovendolo presso le giovani generazioni e allo stesso tempo fornire a queste ultime nuovi spunti sulla base dei quali impostare con coraggio il proprio futuro?
In un momento di crisi planetaria e di timore verso il futuro, soprattutto per quello dei giovani e per le loro prospettive professionali l’Assessorato alla Cultura della Città di Tradate, con il contributo ed il Patrocinio della Provincia di Varese, presenta una mostra-workshop in collaborazione con La scuola Internazionale di Comics di Reggio Emilia e con lo studio “Gioco Duro”
(...)
Mostra “Un segno per ogni stagione”
Dal 5 al 31 dicembre 2009 il Polo Cuturale Frera ospiterà la mostra tematica riguardante l’attività artistica e professionale dei docenti della Scuola Internazionale di Comics membri dello Studio “Gioco Duro” che terranno i diversi seminari.
La mostra, composta da oltre settanta tavole originali realizzate da Jim Lee, Giuseppe Camuncoli, Grazia Lobaccaro, Fabio D’auria, Mauro Corradini, Alessandro Vitti, Stefano Landini, Onofrio Catacchio e tratte da pubblicazioni nazionali ed internazionali edite da Bonelli Editore, Marvel Comics, DC Comics, Panini, Vertigo e molte altre, si porrà l’obiettivo di illustrare “materialmente” quanto proposto durante il workshop didattico.
Dal sito Tradate anno uno

venerdì 11 dicembre 2009

Giuda, una nuova rivista d'avanguardia di Gianluca Costantini


Comunicato stampa
GIUDA
una nuova rivista d'avanguardia di Gianluca Costantini

È ancora possibile oggi una rivista d'avanguardia? L'esperimento di Gianluca Costantini, che riunisce talentuosi giovani disegnatori e artisti storici della contestazione a fumetti, è una risposta provocatoria.
Giuda è un progetto collettivo, ma anche anonimo. Giuda è un manifesto che non dichiara, ma che
indica. Giuda è una chiamata alle armi, ma per una guerra a colpi di immagini.
Giuda trasgredisce le parole e violenta le cose. Giuda denuda il vero falsificando il falso. Giuda
tradisce i luoghi comuni per alleanze indecifrabili.
Giuda è una dichiarazione d'amore per il fumetto: il fumetto come password della storia, come link all'immaginario globale, come chiave interpretativa assoluta del mondo visto e pensato.

Giuda è: un gruppo di straordinari disegnatori italiani e stranieri votati alla causa dell'arte sequenziale.
Giuda è: pubblicità inesistenti, ritratti di cimiteri, puzzle di uomini non illustri.
Giuda è: una sfida all'arte contemporanea.
Giuda è una mostra della Galleria Miomao: una mostra di disegni, di idee, di luoghi, di mappe.

Gli artisti
Oltre a Gianluca Costantini, ideatore e instancabile sperimentatore della nona arte, e al collettivo
spagnolo El Cubri:
Armin Barducci (Bolzano, 1976) insegna da molti anni alla Scuola di Fumetto di Bolzano e in svariati corsi di Fumetto per bambini in Alto Adige. Cofondatore del Progetto Monipodio, collabora all'organizzazione del Festival Bolzano Comics.
Ciro Fanelli (Fossombrone, 1980), illustratore e fumettista, vive e lavora a Urbino.
Marco Lobietti (Ravenna, 1974) vive e lavora a Bologna. Si interessa di webdesign, fumetto e cartografia.
Rocco Lombardi (Formia, 1973) vive e lavora a Formia. È fumettista, illustratore e decoratore. È tra i coordinatori di Lamette, etichetta di fumetti autoprodotta.
Angelo Mennillo (Schweinfurt, 1982) vive e lavora a Bologna. Si occupa di progettazione multimediale, grafica ed illustrazione.
Robert Rebotti (Bergantino, 1975) vive a Correggio. È direttore creativo, graphic designer, illustratore.
Alice Socal (Mestre,1986) frequenta l´Accademia di Belle Arti di Bologna per poi trasferirsi ad Amburgo, dove attualmente studia illustrazione.


La mostra
quando
19 dicembre 2009-16 gennaio 2010
vernissage
sabato 19 dicembre, ore 18
saranno presenti tutti gli artisti
orari
da martedì a sabato, dalle 15 alle 20
altri orari su appuntamento

dove
Galleria Miomao
Via Podiani, 19 – Perugia

info e press
Cristina Maiocchi
Info@miomao.net
Tel. 347 7831708

sito
www.miomao.net

domenica 6 dicembre 2009

Armenia, incubi e sogni: in mostra Il Grande Male di Paolo Cossi e Un sogno turco di Giuseppe Palumbo

Comune di Sacile
Assessorato alla cultura
Presenta "Armenia, incubi e sogni"

Incontro con gli autori Paolo Cossi e Giuseppe Palumbo

Sacile, sala caminetto Palazzo Flangini Biglia
Dal 12.12.09 al 20.12.09
Sabato 12.12.09
Ore 18.30 incontro con gli autori, presentazione dei libri:
Medz Yeghern, il Grande Male, Hazard edizioni, di Paolo Cossi e Un sogno Turco, BUR, di Giuseppe Palumbo e Giancarlo De Cataldo,
presenta Vincenzo Bottecchia

Dal 12.12.09 al 20 .12.09
Mostra di tavole originali di Medz Yeghern, il Grande Male, Hazard edizioni di Paolo Cossi e Un sogno Turco, BUR, di Giuseppe Palumbo e Giancarlo De Cataldo

Orari : dal lunedì al sabato 16.00-20.00
Domenica: 9.30-12.30/ 16.00-20.00
Per informazioni: Centro Giovani Zanca
mail zanca@centrogiovanisacile.191.it
tel.e fax. 0434 735508
altre info su : http://fumettiasacile.blogspot.com, www.centrogiovanisacile.it
Curatore del progetto SACILE FUMETTO: Vincenzo Bottecchia
Si ringrazia la redazione di 5%&fanzi

venerdì 4 dicembre 2009

Milo Manara al Festival Strip Turnhout

Da venerdì prossimo, fino a domenica 13 dicembre, si svolgerà in Belgio la nuova edizione del Festival Strip Turnhout, il più antico di lingua fiamminga, che segna un'altra importante collaborazione internazionale per Napoli COMICON.
Ospite d'onore e protagonista è Milo Manara con una mostra personale di ben 50 tavole originali realizzata dal festival belga in collaborazione con il nostro Salone.
Tra gli altri ospiti segnaliamo Alfonso Font, Jorge Zentner, Max, Matt Madden, Jessica Abel, Nix, Jan Bosschaert, Laura Pérez Vernetti e i molti autori belgi.
Dal sito di Napoli Comicon

Futuro Remoto: la figura del robot nel nostro immaginario

Dal 20 novembre Città della Scienza di Napoli ospita la nuova edizione di Futuro Remoto, straordinaria finestra sui più avanzati risultati della ricerca scientifica e tecnologica nel campo della robotica. Napoli COMICON ha contribuito alla realizzazione di una parte della mostra curando una serie di contenuti fumettistici e cinematografici relativi all'impatto della figura del robot nel nostro immaginario.
Dal sito di Napoli Comicon

La mostra Dall’Italia – i poliedrici stili della nouvelle vague italiana al Rencontres de la bd di Beirut

Comunicato stampa

RENCONTRES DE LA BD
dal 7 al 14 dicembre 2009
ALBA, l'Accademia di Belle Arti di Beirut - LIBANO

Associazione Mirada continua la promozione del fumetto italiano all'estero, partecipando con la mostra “dall’Italia – i poliedrici stili della nouvelle vague italiana” al RENCONTRES DE LA BD di Beirut.
In occasione di Beirut, capitale mondiale del libro, la Maison du Livre della capitale libanese ha organizzato la prima edizione dei Rencontres dedicati al fumetto. Grazie alla collaborazione dell'Istituto Italiano di Cultura, Mirada porterà la mostra curata dagli ideatori del Festival internazionale di Ravenna « Komikazen », che vede protagonisti alcuni tra i più interessanti autori italiani (Bacilieri, Barducci, Bruno, Costantini, Mennillo, Toffolo).
All'inuaugurazione della mostra sarà presente Paolo Bacilieri, che incontrerà inoltre i disegnatori libanesi negli spazi dedicati.
Sarà anche esposta un'ampia selezione degli originali tratti da L'ammaestratore di Istanbul (comma 22 edizioni, 2008), il romanzo grafico scritto da Stamboulis e disegnato da Costantini di stampo autobiografico che si apre durante l'ultima guerra israelo – libanese.
Gianluca Costantini terrà l'8 dicembre un workshop all'ALBA, l'Accademia di Belle Arti di Beirut, mentre Elettra Stamboulis parteciperà alla conferenza « L'identità del fumettista e il contesto politico » con Zeina Abirached, Charles Berberian, Pierre Duba, e Aleksandar Zograf.
La manifestazione, che prevede vari eventi, non solo espositivi, avrà luogo dal 7 al 14 dicembre 2009 in vari luoghi della capitale libanese.


Nuvole dall’Italia – i poliedrici stili della nouvelle vague italiana
Autori: Gianluca Costantini, Paolo Bacilieri, Davide Toffolo, Armin Barducci, Andrea Bruno, Angelo Mennillo.
Il fumetto italiano a partire dalla fine degli anni ’90 ha subito una mutazione genetica ed editoriale. Sostanzialmente conclusa la vicenda delle storiche riviste degli anni ’80, in un clima mutato culturalmente e dal punto di vista editoriale, la nona arte nel Bel Paese, pur vantando illustri autori a cui far riferimento quali Hugo Pratt, Vittorio Giardino, Andrea Pazienza e molti altri, si trova ad un bivio. Da una parte la dilagante commercializzazione dei manga giapponesi e delle serie storiche che comunque continuano ad esistere, quali quelle prodotte dalla casa Bonelli, dall’altra una crisi sostanziale della storia breve e delle vecchie modalità editoriali delle riviste storiche e degli albi.
Nascono però nuovi festival, quali quello di Napoli Comicon e poi quello di Ravenna e Bologna, luoghi di ricerca e promozione, ma anche nuove case editrici che cominciano ad operare nuove formule narrative, quali la graphic novel e il romanzo di denuncia a fumetti.
In questo nuovo clima, ancora in mutamento, osservato con attenzione e interesse anche dalle case editrici storiche di narrativa che cominciano a introdurre nei loro cataloghi accanto ai romanzi “a parole”, anche quelli a fumetti, gli autori sviluppano stili diversi, sperimentano nuovi linguaggi visivi, emancipandosi dalle gabbie del fumetto classico.
Questa selezione vuole dar conto proprio delle diverse possibilità espressive del nuovo fumetto italiano: il paese del bel disegno non perde la propria tradizione pittorica e rappresentativa, ma sembra voler introdurre una nuova cifra artistica nel campo delle letteratura disegnata.

L’ammaestratore di Istanbul: un diario di viaggio e una ricerca storica a fumetti
Autori: testo Elettra Stamboulis – disegno Gianluca Costantini.
Il libro, edito da comma 22, è un diario di viaggio alla ricerca delle tracce dell’intellettuale ottomano Osman Hamdi.
Hamdi fu una figura rivoluzionaria per lo stato ottomano e contribuì in maniera significativa alla successiva politica culturale dello stato turco. Fondatore del Museo archeologico di Istanbul e della prima Accademia di Belle Arti in un paese di cultura musulmana, fu egli stesso importante archeologo (fece gli scavi di Tiro, Sidone e Nemrut Dagh), ma soprattutto fu il primo pittore musulmano che dipinse le donne in scene di vita quotidiana ed espose i propri quadri.
Il romanzo a fumetti racconta in prima persona le ricerche della coppia degli autori in Turchia, alle prese con gli interrogativi storici ed artistici che l’indagine pone loro e soprattutto degli interrogativi sulla propria cultura che tale incontro comporta.
Le prime pagine del libro partono proprio citando un testo di Said sul Libano e in questo senso l’esposizione nella capitale libanese risulta essere un luogo di eccezionale portata simbolica.

La manifestazione è realizzata da:
La maison du livre
Con la collaborazione di
Beyruth Capitale Mondiale du Livre
République Francaise
Istituto Italiano di Cultura - Beirut
Next Page
Associazione Culturale Mirada

Zavattini contro la terra. Il fumetto tra letteratura e cinema

Zavattini contro la terra
Il fumetto tra letteratura e cinema

A cura di Edo Chieregato (Hamelin Associazione Culturale) e Giuseppe De Mattia (Cineteca di Bologna)

Spazio Gerra
Piazza XXV Aprile, Reggio Emilia

5 dicembre 2009 - 6 gennaio 2010
da martedì a venerdì 9-12 e 16-20
sabato, domenica e festivi 10-13 e 16-23
lunedì chiuso

Inaugurazione sabato 5 dicembre ore 18

Sabato 5 dicembre alle ore 18,00 inaugura presso lo Spazio Gerra di Reggio Emilia la mostra Zavattini contro la Terra. Il fumetto tra letteratura e cinema.
Alle ore 18,30 seguirà la presentazione della riedizione del Non libro più disco di Cesare Zavattini pubblicato da Le Lettere, a cura di Stefania Parigi e con un'introduzione di Paolo Nori.
L'evento si svilupperà come lettura-performance, accompagnata da sonorità e da un'installazione video, con la partecipazione di Stefano Raspini e letture di Paolo Nori e Alfredo Gianolio.
A seguire dj-vj set dedicato al cinema zavattiniano con Frame Dealer.

Cesare Zavattini, scrittore, giornalista, soggettista, pittore, una delle più significative figure del secolo scorso, compare anche tra i grandi maestri che negli anni Trenta contribuiscono a sviluppare il fumetto italiano. In occasione del ventennale della sua scomparsa nel 2009, la Cineteca del Comune di Bologna, l’Archivio Cesare Zavattini e la Biblioteca Panizzi di Reggio Emilia intendono contribuire alla divulgazione dell’opera di un artista a tutto tondo, il cui sguardo è tra i più rappresentativi del Neorealismo italiano.

L’idea di una mostra dedicata al fumetto, linguaggio tra letteratura e cinema, che ha coinvolto Zavattini proprio nel mezzo delle sue scorribande tra mezzi espressivi diversi, vuole rendere noto un aspetto della sua carriera, forse meno conosciuto e meno approfondito di altri, ma che è ugualmente significativo sia per la poetica immaginativa che lo caratterizza, sia per il contributo linguistico e il sotteso impegno ideologico che offrì al fumetto del nostro paese.

Sulla base di un soggetto visionario nasce Saturno contro la Terra (1936), il primo fumetto di ispirazione fantascientifica che, illustrato da Giovanni Scolari e sceneggiato da Federico Pedrocchi, si porrà come una delle più autorevoli incursioni del fumetto italiano nel territorio della science-fiction.

La mostra ripercorre e indaga il rapporto tra Zavattini e il fumetto attraverso una sezione di carattere storico con le storie illustrate da alcuni dei maggiori disegnatori dell’epoca come Walter Molino, Pier Lorenzo De Vita e Kurt Caesar, e l’approfondimento dedicato a Saturno contro la Terra e al suo malvagio protagonista Rebo, con le indimenticabili riletture da parte di Luciano Bottaro, di Stefano Tamburini e Tanino Liberatore, e inoltre i bozzetti che il grande Magnus realizzò affascinato da questo personaggio.

Ma Zavattini contro la Terra vuole essere anche un caloroso omaggio ad un maestro dalla fervida immaginazione che non smette mai di fare scuola. Due autori del fumetto italiano contemporaneo interpretano lo Zavattini soggettista per il cinema, attraverso una lettura personale con studi di personaggi e disegni. Alessandro Tota rilegge Miracolo a Milano (1951) attraverso degli appunti per un possibile remake del film di De Sica, e mette in scena i personaggi mai visualizzati di Diamo a tutti un cavallo a dondolo (1939), recuperando la lezione visiva di maestri come Bruno Angoletta, Sto e Grosz alla ricerca dell’imprevedibile humor zavattiniano. Marco Corona, invece, interpreta attraverso un diario per immagini il soggetto per Sciuscià (1946), riscoprendo i personaggi, le scene, i luoghi, i colori e le atmosfere romane ispirate dalla scrittura zavattiniana.

Promossa da
Comune di Reggio Emilia
Assessorato Cultura e Università di Reggio Emilia
Biblioteca Panizzi di Reggio Emilia
Musei Civici di Reggio Emilia
Archivio Cesare Zavattini di Reggio Emilia
Comune di Bologna
Cineteca del Comune di Bologna
Hamelin Associazione Culturale

Per informazioni:

Spazio Gerra, p.za XXV Aprile, Reggio Emilia
0522 456635, info@spaziogerra.it
www.spaziogerra.it

Ingresso libero

giovedì 3 dicembre 2009

1989 Dieci storie per attraversare i muri. Illustrazioni di Henning Wagenbreth

Comunicato stampa

La Galleria Miomao e l'Accademia Tedesca di Perugia sono liete di celebrare il ventennale della caduta del Muro di Berlino presentando una mostra dei disegni originali del tedesco Henning Wagenbreth che illustrano il volume 1989. Dieci storie per attraversare i muri edito dalla casa editrice Orecchio acerbo.
Frutto di una partnership internazionale che vede protagonisti il Goethe Institut e numerosi istituti di cultura tedesca in Italia e in tutta Europa, il libro 1989 raccoglie dieci racconti di autori illustri, da Andrea Camilleri ad Heinrich Böll, dall'ispanoamericana Elia Barcelò al tedesco Ingo Schulze: dieci fantasiose peregrinazioni tra i muri di ogni tempo e di ogni luogo che rappresentano un prezioso contributo della letteratura alla tolleranza e all'unione tra i popoli. Accompagnano il coro di voci che si leva contro i muri le illustrazioni di Henning Wagenbreth, sospese tra giocosità futurista e meccanicismo fiabesco, in cui toys segaligni e figurini pre-disneyani sfilano a comporre un enorme, ideale murales contro l'intolleranza.
L'evento di Perugia, che fa parte di una numerosa serie di iniziative organizzate dall'editore Orecchio acerbo e dal Goethe Institut in tutta Europa, è la seconda tappa italiana della mostra, dopo l'occasione inaugurale svoltasi presso la galleria Hde di Napoli (www.hdestudio.it).
Per tutta la durata della mostra saranno disponibili visite guidate per le scuole e introduzioni didattiche all'esposizione a cura dell'Accademia Tedesca di Perugia.

L'artista

Henning Wagenbreth
Tra i più interessanti e originali illustratori europei, insegna Visual Communication presso la prestigiosa Universität der Künste di Berlino. Raw art, stile underground, street art confluiscono in una cifra graffitista per la quale è universalmente apprezzato. È autore di Mond und Morgenstern – La luna e la stella del mattino, definito dalla critica "Il libro più bello del mondo".
www.wagenbreth.de

La mostra

Dal 4 al 17 dicembre 2009
Orari di apertura
da martedì a sabato, ore 15-20
Visite guidate per adulti e scuole e materiali didattici
Claudia Schlicht
Accademia Tedesca, p.zza Raffaello 11, Perugia
tel. 075 5735360

Il Grifo - Il fumetto è arte

Il Grifo - Il fumetto è arte.
Una mostra a cura di Vincenzo Mollica, da Federico Fellini a Hugo Pratt, da Milo Manara a Guido Crepax. Napoli, Castel dell’Ovo, dal 18 dicembre 2009 al 10 gennaio 2010. Tutti i giorni dalle ore 9:30 alle ore 18:00, festivi dalle ore 9:30 alle 14:00 – ingresso libero. La mostra, promossa dall’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Napoli, curata dal giornalista Vincenzo Mollica, è organizzata da Lorenzo Paganelli per Grifo Cult. All’inaugurazione, prevista per venerdì 18 dicembre presso Castel dell’Ovo, parteciperanno, tra le istituzioni, il Sindaco della città di Napoli Rosa Jervolino Russo, l’Assessore alle Politiche Sociali e Giovanili Giulio Riccio, il consigliere del Comune di Napoli Francesco Minisci, il giornalista Vincenzo Mollica e l’organizzatore Lorenzo Paganelli. Inoltre, interverranno gli artisti Francesco Guccini, Milo Manara, Tanino Liberatore, Vittorio Giardino e tanti altri.

Il Grifo - Il fumetto è arte
Dal 18 dicembre 2009 al 10 gennaio 2010
Castel dell’Ovo
Napoli

Tradurre con il colore di Cinzia Ghigliano al Collegio Vescovile S. Alessandro

Arti visive e letteratura insieme per esprimere, con diversi linguaggi, lo stesso tema: la Morte nelle parole immortali dell’Antologia di Spoon River. La mostra “Tradurre con il colore” curata da Monica Nucera Mantelli è composta dalle tavole di Cinzia Ghigliano e alle parole di Edgar Lee Masters. Il testo, esposto in lingua originale, ispira e affianca i disegni del- l’autrice ed è accompagnato dalle traduzioni di Cesare Pavese, Fernanda Pivano, Beppe Fenoglio e Fabrizio De Andrè, in versione calligrafica. Sedici grandi tele in acrilico cui si affiancano varie opere di piccolo for- mato tra schizzi e disegni, interpretazioni delle suggestioni che l’opera di Lee Masters ha suscitato nell’artista.

Il Collegio Vescovile S. Alessandro desidera offrire ai propri studenti e a tutti i fruitori della mostra una visone multidisciplinare di un’opera letteraria che, oltre ad aprire uno spaccato sulla vita dei personaggi pro- tagonisti del libro, induce a riflettere - più in generale - sul senso della vita e della morte.
Dal sito della Fondazione Ravasio

Collegio Vescovile S. Alessandro via G. Garibaldi 3B, Bergamo
28 novembre 2009 • 21 dicembre 2009
Dal lunedì al sabato 9.00 - 18.00 - chiuso lunedì 7 e martedì 8 (ingresso libero)
Inaugurazione 28 novembre 2009 ore 11,30
info 035.218.500 www.santalex.it

mercoledì 2 dicembre 2009

Super Hero Art. Mitologia del Fumetto Americano


Comunicato Stampa


La Biblioteca Delle Nuvole di Perugia è fiera di presentare, in collaborazione con Immaginario Festival, la mostra

SUPER HERO ART
Mitologia del Fumetto Americano
.


Ospitata all' interno del Museo di Palazzo della Penna di Perugia la mostra punta l’ obiettivo sul concetto di supereroe, declinandolo nelle sue più sfaccettate forme.

Per la prima volta i tre più importanti disegnatori italiani che hanno legato i loro nome ai grandi supereroi americani espongono insieme in Italia in un Museo d’arte Contemporanea oltre 100 tavole originali.

Mostra di tavole originali

Bianchi – Castellini – Dell’Otto

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

La mostra ospita anche una vasta sezione relativa ai grandi maestri americani del fumetto supereroistico con tavole originali di

Jack Kirby, Mike Mignola, Chris Bachalo, John Byrne, Mike Allred, Marc Silvestri, Romita Sr., Romita Jr., Erik Larsen, Frank Quitely, Steve Rude, Greg Land e tanti altri.

Inoltre saranno esposte tavole originali dei grandi autori italiani che si sono confrontati col mito del supereroe.

Tra gli autori esposti:

Magnus, Mastantuono, Palumbo, Toninelli, Baldazzini Landolfi, Tuono Pettinato e tanti altri.

3 Dicembre 2009 – 9 Gennaio 2010

Museo di Palazzo della Penna – Perugia

Inaugurazione giovedì 3 Dicembre ore 17.00

Interverranno: Alberto Abruzzese, Nello Barile, Sergio Brancato, Gino Frezza e Luca Raffaelli.

Comics Talk Show – I più grandi artisti italiani del fumetto super intervistati da Massimiliano Brighel

Sabato 5 Dicembre ore 18.30 – Teatro del Pavone – Perugia

Nella splendida cornice del Teatro Pavone di Perugia Simone Bianchi, Claudio Castellini e Gabriele Dell’ Otto intervistati da Max Brighel incontrano il loro fans e raccontano la loro passione per i Supereroi!

Il primo Talk Show Disegnato della storia del fumetto italiano!

giovedì 26 novembre 2009

I Transformers invadono Milano

I TRANSFORMERS INVADONO MILANO

“Transformers a Milano”

28 novembre - 6 dicembre 2009
YAMATO SHOP – via Tadino fronte n. 5, Milano
Orario: lunedì-sabato 10.00-19.00; domenica 15.00-19.00
Entrata libera

In occasione dei 25 anni i giovani artisti della scuola del fumetto rendono omaggio ai robot più amati del mondo con una mostra che porta nei luoghi simbolo della città l’epica lotta tra Autobot e Decepticons

Milano, novembre 2009 – Da Piazzale Cadorna alla Stazione Centrale, dallo stadio di San Siro alle guglie del Duomo: i Transformers invadono Milano, e i luoghi simbolo del capoluogo lombardo diventano il teatro dell’epica lotta tra Autobot e Decepticons.

Non si tratta di un nuovo capitolo della saga cinematografica di maggior successo degli ultimi anni, ma dell’omaggio che, in occasione dei 25 anni dei robot-veicoli più amati dai bambini di tutto il mondo, i giovani artisti della Scuola del Fumetto rendono ai Transformers nella mostra “Trasformers a Milano”: 24 tavole originali, nelle quali Optimus Prime, Bumblebee e Megatron si affrontano rigorosamente all’ombra della Madonnina.

Promossa da Hasbro, il colosso del giocattolo che ha dato i natali ai Transformers, e realizzata in collaborazione con la Scuola del Fumetto di Milano e Paramount Home Entertainment, la mostra “Transformers a Milano” sarà inaugurata presso Yamato Video a partire dal 28 novembre, e proseguirà fino al 6 dicembre. Oltre alle tavole, sarà possibile ammirare anche una collezione completa di modelli storici, dalla prima serie del 1984 alla nuovissima Movie 2, che trae ispirazione dal nuovo film di Michael Bay “Transformers – La Vendetta del Caduto” appena uscito in DVD e BluRay Disc.

Questi robot antropomorfi, in grado di trasformarsi da giganti metallici in automobili, aerei o elicotteri, sono stati creati nel 1984 dalla Hasbro, e da semplici giocattoli si sono ormai trasformati in un vero fenomeno di costume, con diverse serie animate, 2 kolossal cinematografici, più di 1000 modelli realizzati e milioni e milioni di pezzi venduti. Durante i loro 25 anni di storia sono entrati nella vita quotidiana di tutti noi, contaminando, con le loro metamorfosi, il mondo della musica, della pubblicità, dei fumetti, dei videogame e naturalmente del cinema e della televisione.

Veri prodigi della tecnologia e della meccanica, i Transformers vantano fan del calibro di Steven Spielberg e Michael Bay, che hanno voluto dedicare al loro mito ben 2 film diventati campioni d’incassi assoluti.

domenica 22 novembre 2009

Libertà come bene supremo

3 . 4 . 5 dicembre 2009
LIBERTA' COME BENE SUPREMO
giornate di osservazione e critica del contemporaneo
three days no-stop on screen, lectio magistralis, workshop, docufilm, voices, poetry,
political, philosophy, anthropology, human rights
on the frame of a long-term project CONTRO LA PUREZZA
un progetto promosso da Comune di Coriano (Rimini)
Biblioteca Battarra di Coriano
Fondazione CORTE
ideazione, direzione artistica, cura
Isabella Bordoni

con
Marco Aime
Gianluca Costantini e Elettra Stamboulis
Luciano D'Onofrio e Monica Affatato
Yervant Gianikian e Angela Ricci-Lucchi
Giovanni Leghissa
Rosaria Lo Russo
Roberto Magnani e la non-scuola del Teatro delle Albe
Michele Marziani
Luca Mosso
Marco Scotini
Eyal Sivan
Paolo Vachino

documentazione
Lidia Casti, Andrea Zucchini

punto libri
Punto Einaudi Rimini

media partner
Radio Papesse, Succo Acido - Crossing Languages
in collaborazione con
FILMMAKER Milano
Mirada Ravenna
Momento! Film Production Parigi
non-scuola Ravenna
Route 1 Torino

con la partecipazione dell'ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI RIMINI/LABA

Dal sito di Isabella Bordoni

5 dicembre 2009, ore 18.30. Gianluca Costantini e Elettra Stamboulis autori del romanzo grafico e della mostra L’ammaestratore di Istanbul, in colloquio con Michele Marzian.
Dal sito di Costantini

sabato 21 novembre 2009

Recidiva di Cristina Portolano

Domenica 22 novembre
dalle ore 20 mostrAperitivo con

Recidiva

di Cristina Portolano

Da Ernest,

lunedì 16 novembre 2009

The Raven di Lou Reed e Lorenzo Mattotti

The Raven (Il corvo)
Lou Reed e Lorenzo Mattotti
Galleria Martel
Rue Martel 17
Parigi
Dal 18 novembre 2009 al 9 gennaio 2010.
Maggiori informazioni su House of Mystery.

domenica 15 novembre 2009

Nuvole a Trieste


Nuvole a Trieste

Opere a fumetti di

Mario Alberti, Walter Chendi, Ambra Colombani, Franco Devescovi, Alessandro e Lorenzo Pastrovicchio.

A cura di Dario Fontana.

29 novembre - 15 dicembre 2009

Orario feriale e festivo 10 - 13 / 17 - 20

nella sala Umberto Veruda di Palazzo Costanzi
Piazza Piccola 2, a Trieste.

James Kochalka - Little Paintings

Galerie Monastiraki
is pleased to present
an exhibition of new works by international comic artist
James Kochalka

Little Paintings
November 6 - December 4, 2009

http://monastiraki.blogspot.com/

sabato 14 novembre 2009

Nam Hotel di Tuono Pettinato


Tuono Pettinato
Nam Hotel
fumetti, disegni, illustrazioni

20 novembre / 14 dicembre 2009
inaugurazione venerdì 20 novembre 2009 ore 18.30

RAM HOTEL
Via San Valentino 1/f Bologna
lunedì/venerdì 10:30 - 17:30
0516493296


Dal sito di Ram Hotel (dove è presente una galleria di disegni di Tuono Pettinato):
Tuoni a Occidente
Anche a Oriente, se è per questo, e a destra e a sinistra. In alto e in basso. Perché Tuono Pettinato – l’Uomo, l’Artista – non si preclude possibilità né orientamento alcuno. Dopo gli inizi colti – c’è Borges nel suo passato, e in una sua fondamentale scelta di vita – oggi il Grande Pisano indaga la Vita Vera. E, tra i tanti, al centro della sua Arte oggi ci sono gli Umili, i Diseredati, i Randagi. I Bastardi. Creature a cui in un universo parallelo la crudeltà dell’uomo non risparmia lo spietato rito dell’Abbandono in Autostrada e che l’occhio di Tuono Pettinato, privo di qualsiasi soggezione nei confronti del buon senso e delle convenzioni, ritrae nell’ancor più indicibile follia della guerra. Preludio all’inevitabile disagio esistenziale e all’angoscia dei Reduci.

Tutto Nam Hotel è questo: una teoria di accostamenti dall’incongruità spiazzante, espediente suo tipico a cui nel tempo Tuono Pettinato ci ha preparati sì, ma mai del tutto. E anche stavolta il Principe degli Arguti Diminutivi, il Vate dei Fulminanti Vezzeggiativi, il Bardo della Carineria più straniante e lontana da affettati manierismi che la Cultura italiana ricordi (e magari dimentichi; ma datele tempo) non delude chi negli ultimi anni ha fatto di tutto per rincorrerne le centellinate, mai visibilissime produzioni: la capacità di esaltare il wild side della Normalità più eversiva, di rincorrere e raggiungere il Paradosso, superandolo in curva, di mettere alla berlina l’ottusità del Pensiero Dominante. In Nam Hotel questa capacità è tutta lì, in bella vista. Con un ringraziamento speciale e più che mai ammodino a Giuseppe Novello, che Garbo e Arguzia del Nostro avrebbe apprezzato, e di molto.

Andrea Plazzi (Bologna, novembre 2009)


Tuono Pettinato, classe ’76. Karateka della cultura, cintura nera di erudizione. Co-fondatore di Donna Bavosa e Superamici, con i quali pubblica il periodico «Hobby Comics» per l’editrice Grrrzetic. Realizza i Suberoi per la rivista «ANIMAls», i Ricattacchiotti per «XL». Ha illustrato numerosi libri per ragazzi per Campanila e collaborato a molti albi a fumetti collettivi. Suoi disegnetti sono comparsi sulle pagine di «Vice» e «Rolling Stone». Collabora, con il collettivo Baffi, a un blog di satira di gusto ottocentesco. Ha pubblicato un fumetto su Galileo assieme a personcine di scienza a lui congeniali. Va matto per il tè freddo e per il buon conversare.

www.tuonopettinato.blogspot.com

lunedì 9 novembre 2009

Salon du Livre et de la Presse Jeunesse di Montreuil: in mostra Fior, Neri, Tuono Pettinato, Filosa e Tota

Dalla newsletter di Hamelin:
Dal 25 al 30 novembre 2009, Hamelin è in Francia, in occasione del Salon du Livre et de la Presse Jeunesse di Montreuil, che quest’anno ha scelto l’Italia come ospite straniero. Cinque le mostre di illustrazione e fumetto in programma.
Nello stand italiano, AIE e Bologna Children’s Book Fair in collaborazione con Centro per il Libro e la Lettura del Ministero per i Beni e le Attività Culturali presentano Roberto Innocenti, vincitore dell’Andersen Award 2008 con una mostra, curata da Hamelin, di originali tratti dall’ultimo suo successo internazionale The House.
Nelle biblioteche della capitale, le tavole dei libri più famosi di Fabian Negrin e Roberto Innocenti, le storie a fumetti di cinque giovani protagonisti del fumetto internazionale, Manuel Fior, Tuono Pettinato, Marino Neri, Vincenzo Filosa, Alessandro Tota. In collaborazione con Salon du Livre et de la Presse Jeunesse Seine-Saint-Denis.
Infine, un evento speciale, curato da Hamelin insieme a Topipittori presso lo showroom di Boffi Bains, un marchio di design italiano che per l’occasione ospita le tavole originali dei libri che Topipittori pubblica da cinque anni in Francia.

GIORNO PER GIORNO

Fabian Negrin – Occhiopin e La jeune et nouvelle BD italienne : Manuele Fior, Alessandro Tota, Marino Neri, Vincenzo Filosa et Tuono Pettinato

21 novembre 2009 - 20 gennaio 2010
Bibliothèquee Robert Desnos
14, boulevard Rouget de Lisle
93100 Montreuil

L'Italie : voyage en images

Roberto Innocenti

3 novembre - 12 dicembre 2009
Médiathèque Saint-Just
36, avenue Louis Bordes
93240 Stains

Fabian Negrin

3 novembre - 12 dicembre 2009
Médiathèque John Lennon
9, avenue du Général Leclerc
93120 La Courneuve

Italiano – Français / Français – Italiano. 10 illustrateurs en voyage

25-30 novembre 2009
Inaugurazione giovedì 26 novembre H 18.30
Boffi Bains Paris
12 rue de la Chaise
75007 Paris

venerdì 6 novembre 2009

Thomas Ott a Bolzano Comics 2009


Mostra delle opere di Thomas Ott all'interno di Bolzano Comics 2009.

Thomas Ott:
L’artista svizzero tedesco, celebre per le sue storie che ritraggono i lati più oscuri dell’esistenza, realizzate con uno stile “graffiato” inimitabile e altamente riconoscibile.
http://www.tott.ch/

Inaugurazione:
6 Novembre
ore 11.00
Galleria Goethe 1,
via della Mostra 1,
Bolzano/Bozen

Fine mostra:
– 14 Novembre

http://www.bolzanocomics.it/

mercoledì 4 novembre 2009

Sergio Toppi. Il segno della Storia a Varese

Sergio Toppi. Il segno della Storia
a Varese
Presso il Chiostro di Voltorre (Gavirate), dal 6 novembre al 31 dicembre

Inaugurazione: giovedì 5 novembre, ore 18.00.
Sarà presente Sergio Toppi.
A cura di Hamelin e Cristina Taverna.

La mostra "Sergio Toppi. Il segno della Storia" realizzata in occasione della terza edizione di Bilbolbul. Festival internazionale di fumetto, fa tappa al Chiostro di Voltorre.

La mostra presenterà al pubblico circa duecento opere, tra fumetti e illustrazioni, tratte dalla vastissima produzione dell’autore che conta ormai più di quaranta anni di lavoro: dalle importanti collaborazioni con Sergio Bonelli per la serie “Un uomo, un’avventura”, alle rivoluzionarie storie comparse via via su “Linus”, “Alter Alter”, “Corto Maltese”, “L’Eternauta”, “Comic Art”, ai lavori più recenti.
La mostra mira a far emergere e conoscere alcuni nuclei fondamentali della poetica dell’artista, come disegnatore e come autore completo. Si darà così ampio spazio alla sua rivoluzione formale, che ha modificato la grammatica compositiva della tavola a fumetti, e a due grandi filoni tematici che guideranno i visitatori nel percorso: il rapporto tra Storia e Fantastico e il tema del conflitto, sia esso tra uomini, con la natura, con la presenza del sacro.

La mostra è accompagnata dalla pubblicazione Sergio Toppi. Il segno della Storia libro/catalogo edito da Black Velvet.

BIOGRAFIA DI SERGIO TOPPI

mercoledì 28 ottobre 2009

Andrea Bruno - Sabato tregua

Comunicato stampa
ANDREA BRUNO
“Sabato tregua”

Ventotto enormi tavole, presentate in esclusiva alla Galleria Miomao, compongono il nuovo capolavoro di Andrea Bruno, Sabato tregua, affresco di incubi, angosce, ipnosi del nostro tempo pubblicato da Canicola in un volume di grande formato.
Inchiostri dilavati, colati, raggrumati. Bianchi a risparmio, all over, gessosi. Nell’attrezzeria povera del disegnatore, Andrea Bruno ha affinato gli strumenti di una cifra personalissima, ormai internazionalmente apprezzata. Stremando la figurazione fino alla radice aniconica, spezzettando il ritmo narrativo in pause distese e soprassalti improvvisi, liquefacendo la sua formula lirica nel nero primario di un’ossessione pura, il fumettista catanese tende il racconto oltre i limiti del narrabile, negli spazi aperti dell’aporia.
Storie e immagini puntellate sulle rovine dei nostri giorni. Impastate con la materia calcinosa e primitiva di cui sono fatti gli incubi.

L’autore
Andrea Bruno (Catania 1972) vive e lavora a Bologna, dove collabora con il gruppo Canicola alla redazione dell’omonima rivista. Tra i maggiori esponenti della nouvelle vague del fumetto italiano, ha esposto in mostre e festival in tutto il mondo (Napoli, Lucerna, San Pietroburgo, Buenos Aires). I disegni di Brodo di niente, storia a fumetti pubblicata in Italia da Canicola e in Francia da Rackham, sono stati segnalati dal critico d’arte di “Le Figaro” in occasione del Salon du dessin contemporain 2009.

La mostra

Quando
7-28 novembre 2009

vernissage
sabato 7 novembre, ore 18,00
sarà presente l'artista

dove
Galleria Miomao
via Podiani, 19
Perugia

info e press
Maria Cristina Maiocchi
tel. 347 7831708
info@miomao.net

sito
www.miomao.net

in collaborazione con
Canicola
www.canicola.net

lunedì 26 ottobre 2009

CLAMP

Lucca Comics & Games quest'anno omaggia con ben due mostre uno dei più acclamati gruppi di autrici giapponesi nel mondo: CLAMP.
Il gruppo nasce a metà degli anni '80 e grazie alla qualità visiva e narrativa di opere quali RG Veda, X, Card Captor Sakura, Chobits, Tsubasa -RESERVoir CHRoNiCLE-, xxxHOLiC, si afferma a livello internazionale, travalicando i confini nipponici.
A distanza di venti anni, il gruppo CLAMP è tra i gruppi più prolifici (per un totale di 22 titoli con il più recente Kobato) e apprezzati del panorama giapponese e mondiale.

Clamp 1.0

Nella splendida cornice di Palazzo Ducale una rassegna di alcune delle più significative illustrazioni a colori delle sensei, insieme ad estratti originali dei loro manga.
Un percorso di approfondimento attraverso l'appassionata arte visiva delle autrici, caratterizzata da uno stile grafico tanto curato quanto poliedrico.

Clamp 2.0
Un viaggio attraverso lo sfaccettato universo CLAMP: piccole istallazioni artistiche allestite all'interno del Japan Palace. Un affettuoso omaggio che cerca di rispecchiare a pieno il fenomeno culturale Clamp, non solo limitato ai manga ed alle trasposizioni animate, ma entrato ormai di peso nel mondo della musica, della moda, dei videogame, e nell'immaginario di milioni di fans e migliaia di cosplayer.
Dal sito di Lucca Comics


A Kind[t] of Spy

Dossier-capitoli che raccontano vite. Vite di persone all'apparenza normali, routinarie nel loro incedere ma unite tutte da un comune denominatore: lo spionaggio. Spie "quotidiane", impercettibili nel loro muoversi in uno scenario storico (quello della Seconda Guerra Mondiale), letali al momento del bisogno e legate, fino in fondo, alla loro missione. A costo di sacrificare tutto, le spie di Matt Kindt si pongono lungo un confine dove convengono terrore, violenza, purezza e sentimento.

Un mix che alterna, come un caleidoscopio raffigurante ogni sfumatura del pensiero umano, momenti di dramma a ironie e surrealismi. E per ogni dossier, uno stile particolare, un modo nuovo di affrontare visivamente la narrazione. Kindt disegna e illustra seguendo il suo storytelling: dalle tavole affiorano colori e contrasti diversi, quasi fosse un fotografo in piena sperimentazione con una vecchia macchina Leica, pronto a fermare l'istante al pari di un Robert Capa intento ad inseguire il dramma e riportarlo al pubblico.
Kindt vuole fissare i volti, i frammenti, le espressioni, colorandole con tonalità diverse come diverse sono le vite che si sfiorano, collaborano, si uniscono e si sopprimono a vicenda. Un percorso che nasce da un tavolo e che comprende studi, bozzetti e una ricerca continua a metà tra i sentimenti umani e la voglia di sopravvivere ad eventi tragici.
Dal sito di Lucca Comics

Matt Kindt
A Kind[t] of Spy
Lucca Comics and Games
Real Collegio
Lucca
29 ottobre - 1 novembre

Enrico Marini: Un Autore al servizio della Storia

Una grande passione per il disegno e un amore per i cartoni animati hanno portato Enrico Marini a decidere molto presto che fare fumetti sarebbe stato il lavoro della sua vita. I suoi maestri di riferimento di allora sono Hermann, Giraud e Otomo.
È tra i primi a contaminare il tratto di scuola franco-belga dalla grafica dei Manga: il risultato, via via attraverso le serie che realizza dal 1990 al 2003, è un disegno dinamico, al servizio della storia.
I personaggi ben caratterizzati sono in azione, mai statici. Le tavole sono organizzate in modo leggibile, con sequenze che ricordano i movimenti di macchina nel cinema. Le inquadrature, a volte audaci ma sempre chiare, sembrano frame di un film o di un cartone animato.
Tutto questo migliora nella realizzazione del suo personaggio più impegnativo, Le Scorpion (2000), a cui tutt'ora sta lavorando (sta realizzando le tavole del nono volume).
La serie, un feuilleton ambientato nel Settecento, richiede un'accurata documentazione e un gusto per le caratteristiche dell'epoca, sia che si tratti di abbigliamento, portamenti e armi o architetture, arredamenti e decori.
La pittura dell'epoca è una buona fonte d'ispirazione, anche per i colori.
Con queste storie esplode la sua passione per la Storia e prende corpo l'idea di una serie tutta sua: Les Aigles de Rome (2007). Opera prima come autore completo (soggetto, sceneggiatura, realizzazione grafica) segna un grande passo avanti nella sua carriera, una demarcazione. Una prova, che arrivata al 2° volume, è superata con successo dall'autore, per la qualità della messa in scena e per la maturità del disegno. La sua tecnica attuale è mista: matita, penne e pennini, inchiostro a pennello per i neri pieni, colori acrilici diretti, correzioni sulle scansioni con Photoshop.
Non lascia mai lo spazio per i balloon che fa inserire poi. Autore italiano, che vive e lavora in Svizzera, è tra i nuovi autori di successo d'oltralpe. Garbato, riflessivo e attento è in continua "cerca" per non ripiegarsi e per continuare a provare piacere nel suo lavoro. Spettatore e lettore, segue anche il lavoro degli altri colleghi, che analizza con rispetto, pronto a cogliere le nuove soluzioni grafiche usate. Nel futuro amerebbe cimentarsi anche con storie noir. Magari alla Elmore Leonard.
Dal sito di Lucca Comics

Enrico Marini: Un Autore al servizio della Storia
Lucca Comics and Games
Sala Consiglio, Palazzo Ducale
Lucca
17 ottobre - 1 novembre

La memoria di Paco Roca

Le strade di sabbia fumetto immagine
Un archivio intero di sensazioni, di rapporti umani, di poesia leggera e pensieri profondi fa da contrappunto allo stile essenziale e preciso di Paco Roca, stella affermata del panorama fumettistico iberico. Dopo la consacrazione europea del suo pluripremiato Rughe (vincitore del Gran Guinigi 2008 come Migliore Storia Lunga), un racconto agrodolce con contorni tragici, la sua arte viene raffigurata all'interno di una mostra antologica che, prendendo spunto dalle molteplici forme della sua produzione, compone un mosaico della sua narrativa polivalente.
Attraverso le tavole e i bozzetti di Alexander Icaro, i sogni e i miti de Il Faro fino all'ultimo nato dalla sua penna (e dal suo pennino a china) Le strade di sabbia, omaggio ad un mondo surreale e allegorico, l'arte di Paco crea una linea che attraversa la narrativa e la creatività. Una linea che unisce parole a sentimenti per un intreccio che colpisce e scava a fondo nell'animo del lettore, che non mancherà di apprezzare il tono dei contrasti e il colore delle sue dolci visioni a fumetti.
Dal sito di Lucca Comics

La memoria di Paco Roca
Lucca Comics and Games
Real Collegio
Lucca
29 ottobre - 1 novembre

Rughe di Paco Roca a Latina


Dal 29 ottobre al 16 novembre le tavole di Rughe di Paco Roca saranno esposte a Latina al Caffè Mondadori, Via Cesare Battisti 16.
Dal sito di Tunué

Paco Roca
Rughe
29 ottobre - 16 novembre
Caffè Mondadori
via Cesare Battisti 16
Latina

giovedì 22 ottobre 2009

Fiabe di neroinchiostro: tavole di Dampyr, Dylan Dog e Brendon ad Autunnonero

Comunicato stampa

Nella splendida cornice di Palazzo Oddo ad Alberga (SV), una duplice esposizione dalle tinte dark

Ad Autunnonero l'arte gotica di Victoria Francés e le tavole originali di Dampyr, Dylan Dog e Brendon

Dal 24 ottobre al 13 dicembre saranno esposte le illustrazioni dell’artista gothic spagnola e i disegni originali degli autori Bonelli Michele Cropera, Giuseppe Franzella, Nicola Genzianella, Nicola Mari, Luigi Piccatto, Luca Rossi e Alessandro Vitti

Fantasmi e spiriti di donne in lunghi abiti, ispirati al mondo di Edgar Allan Poe, Anne Rice e Howard Phillips Lovecraft. Sono le creature che animano le “favole” illustrate dell’artista gothic spagnola Victoria Francés, protagonista di un’attesissima esposizione dal titolo “FAVOLE - Gothic Art Exhibition” in programma dal prossimo 24 ottobre a Palazzo Oddo di Albenga (SV), nell’ambito della quarta edizione di Autunnonero, il Festival Internazionale di Folklore e Cultura Horror, organizzato dall’Associazione Culturale Autunnonero con la direzione artistica di Andrea Scibilia e il contributo della Regione Liguria.

Accanto a “Favole”, il 24 ottobre verrà presentata anche una seconda esposizione, nata dalla collaborazione tra Autunnonero e la Sergio Bonelli Editore, media partner dell'evento, dal titolo “FIABE DI NEROINCHIOSTRO – Comic Art Exhibition”: un percorso attraverso le tavole originali di storie fiabesche dalle tinte dark di Dampyr, Dylan Dog e Brendon, aperto al pubblico nello stesso periodo.

Le due rassegne saranno visitabili fino al 13 dicembre all’interno della splendida cornice di Palazzo Oddo, che già ospita la mostra permanente “Magiche Trasparenze”, esposizione di reperti vitrei recuperati durante gli scavi nelle necropoli di Albenga, tra i quali è presente un pezzo unico al mondo, il cosiddetto Piatto Blu.

Le illustrazioni di Victoria Francés, artista dalla grande sensibilità gotica che fa la sua prima apparizione al Salone del Fumetto di Barcellona nel 2004, sono tratte dalla trilogia di libri “Favole”, dove sono accompagnate dalla narrazione delle storie delle fanciulle protagoniste, che si intrecciano con quelle di Favole, giovane soccorsa dal vampiro Ezequiel, del quale si innamora. Tra quelle selezionate per la mostra ci sarà anche Butterfly, scelta come immagine ufficiale del festival, dedicato quest’anno alle “Dark Tales”, le fiabe di paura e i racconti del terrore.

La mostra “FIABE DI NEROINCHIOSTRO” è invece un percorso di tavole originali dei personaggi di casa Bonelli che meglio rappresentano lo spirito di Autunnonero. L’esposizione ripercorrerà alcune delle più belle storie di Dampyr, “padrino” del festival fin dalla sua prima edizione, tra cui “Sotto il ponte di pietra” di Luca Rossi, “Kwaidan” di Nicola Genzianella e “La Maledizione di Sinistrari” di Michele Cropera; di Dylan Dog, tra cui “I conigli rosa uccidono” di Luigi Piccatto e “La strega di Brentford” di Nicola Mari; e di Brendon, tra cui “Lacrima di tenebra” di Giuseppe Franzella e”L’Isola del non ritorno” di Alessandro Vitti. Per l’occasione, gli autori Michele Cropera, Giuseppe Franzella, Nicola Genzianella, Luigi Piccatto, Luca Rossi e Alessandro Vitti hanno realizzato delle splendide illustrazioni originali che saranno anche raccolte in un'elegante cartellina targata Autunnonero in edizione limitata, in vendita al bookshop della mostra. All’inaugurazione di sabato 24 ottobre, gli ospiti Nicola Genzianella, Luigi Piccatto e Alessandro Vitti risponderanno alle curiosità del pubblico, il quale potrà farsi autografare i disegni personalmente dagli autori. Questo primo incontro avrà poi un seguito sabato 14 novembre presso il teatro San Carlo di Albenga, sempre alle ore 16.00, a cui parteciperanno gli autori Bonelli Claudio Chiaverotti, Michele Cropera, Giuseppe Franzella e Nicola Mari.

“FAVOLE - Gothic Art Exhibition” e “FIABE DI NEROINCHIOSTRO – Comic Art Exhibition” saranno visitabili dal 24 ottobre al 13 dicembre a Palazzo Oddo di Alberga (SV) nei seguenti orari di apertura: dal 25 ottobre al 6 dicembre, giovedì – domenica dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 18.30. Dal 7 al 13 dicembre, tutti i giorni dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 18.30. Ingresso intero: 6 euro. Ridotto: 4,00 euro. Gruppi (min 15 persone): 3 euro.

Per informazioni e dettagli info@autunnonero.com, www.autunnonero.com

Autunnonero 2009 è organizzato dall’Associazione Culturale Autunnonero con la direzione artistica di Andrea Scibilia e il patrocinio e il contributo di: Regione Liguria, Provincia di Imperia, Provincia di Savona, Comune di Dolceacqua, Comune di Triora, Comune di Cervo, Università degli Studi di Genova - Centro Universitario di Servizi - Giardini Botanici Hanbury. Con il patrocinio di: Provincia di Genova, Comune di Genova, Comune di Albenga, Comunità Montana Argentina-Armea. Sponsor: Fondazione Carige, Palazzo Oddo srl, Tipolitografia Bacchetta, Maurizio Bredy. Media Partner: La Stampa, Festival of Festivals, Sergio Bonelli Editore, Scuola Internazionale di Comics di Reggio Emilia, Metal Maniac, Rocksound, Mentelocale, Audiodrome. Partner: Gargoyle Books, Associazione Ordine del Drago, Twilighters 2.0 - Twilight Official Fan Club. Consulenza tecnica: Life Style – Design for Living.

domenica 18 ottobre 2009

Il francobollo di Diabolik


Dal sito di Diabolik:

Venerdì 23 ottobre 2009, in occasione dell’emissione del FRANCOBOLLO DI DIABOLIK di Poste Italiane, presso l’Ufficio Postale di Piazza Cordusio 4 di Milano verrà allestita una mostra dedicata al Re del Terrore, a cura di Darko Fratar.
Sarà esposta la Jaguar E-type di Diabolik.
Per l’occasione Fratar presenterà una cartolina, una busta figurativa e un cartoncino specimen.
Saranno presenti il disegnatore Giorgio Montorio e Mario Gomboli, Direttore Generale di Astorina.

Orario: dalle 10.00 alle 16.00
Per info: Darko Fratar – tel. 340 7728033

Diabolik Beach: visioni di un autore del nero antieroe

A Cesenatico a partire dal 9 ottobre 2009, per tutti i week-end del mese, sarà possibile visitare la mostra dedicata a Stefano Babini “Diabolik Beach: visioni di un autore del nero antieroe”.
L’esposizione - allestita presso la Sala Espositiva di Via Andrea Doria 7 - raccoglie una serie di pannelli con gigantografie di alcune tavole dell’autore tratte da un albo della collana “Il Grande Diabolik”, schizzi, prove a matita e altri diabolici disegni.

Per info:
redazione@fanzineitaliane.it
www.fanzineitaliane.it/ilrestodelvolontariato

La Diabolik Collection di Mycrom in mostra

Nel mese di ottobre le Stampe Artistiche prodotte da Mycrom dedicate a Diabolik saranno esposte a Brescia e Torino:

  • dal 9/10 al 28/10 presso la Galleria dell’Ombra di Brescia, in via Nino Bixio 14/c;
  • dal 15/10 al 24/10 presso la Swarovski Boutique di Torino, in via Roma 335. Per tale occasione, alcuni soggetti saranno decorati a mano con Cristalli Swarovski.

    Per info:
    www.mycrom.it

venerdì 16 ottobre 2009

Il Segno del Desiderio. Roberto Baldazzini tra fumetto e pop art

COMUNICATO STAMPA

Paratissima 5.2
in collaborazione con
Galleria Art & Comics e Lilttle Nemo

presenta

“Il Segno del Desiderio”
Roberto Baldazzini tra fumetto e pop art.
Pitture, inchiostri e disegni dell’artista modenese

Galleria Art & Comics, Via Ozanam 7 dal 5 al 21 novembre 2009
Inaugurazione mercoledì 4 novembre, ore 20,00
Interverrà l’autore

La sera di Mercoledì 4 Novembre 2009 si inaugura la mostra IL SEGNO DEL DESIDERIO di Roberto Baldazzini, primo appuntamento del ciclo espositivo dedicato al rapporto tra arte e fumetto organizzato e promosso dalla Galleria Art & Comics, di Via Ozanam 7 a Torino.
“Il segno del desiderio” ospita oltre settanta illustrazioni e tavole originali e numerose pitture dell’autore, fra i più attivi nel campo del fumetto e dell’illustrazione erotica.

Accanito lettore nonché collezionista di riviste glamour anni ’50 e di fumetti classici americani, Baldazzini trae ispirazione tanto dal mondo dei serial televisivi Anni ’50 che dai maestri come Hal Foster ed Alex Raymond; l’uso assiduo dei retini suggerisce un rimando alla pop art di Roy Lichtenstein ma con il gioco straniante di rinchiudere gli stilemi della pittura pop all’interno della rigida gabbia della vignetta. Nel corso degli anni proprio la sua abilità di contaminare linguaggi diversi gli ha permesso di essere autore di fumetti, designer di oggetti, realizzatore di campagne pubblicitarie, illustratore e pittore.

Il suo esordio fumettistico avviene sulla fanzine “Pinguino Guadalupa”. Luigi Bernardi lo chiama a collaborare alla neonata rivista “Orient Express” che ospitava autori italiani ormai classici assieme a fumettisti d’avanguardia. Autore completo realizza storie e personaggi pubblicati sulle riviste colte del fumetto da “Tempi Supplementari” a “Comic Art”. Il suo segno singolare, denso di rimandi alla pop art, lo sintonizza con il mondo della comunicazione pubblicitaria. Infatti il suo segno nitido ed estremamente intellegibile si presta a riempire tanto gli spazi minuscoli come quelli di un logo, quanto gli spazi sconfinati della cartellonistica pubblicitaria conservando una possente visibilità anche in mezzo a tutti gli altri segni che compongono la giungla semiotica urbana. Realizza così campagne per la Erg – ridisegnando il character di Superman; per la Axe; le Ferrovie dello Stato; la Salvarani; cataloghi di design per Alessi, Sottsass, Philips. Le sue illustrazioni si possono trovare sulle pagine de “Il Manifesto”, di “Vanity”, “Per Lui”, “Marie Claire”, “Lei”. Nel 1997 realizza la campagna triennale per il lancio definitivo dei telefoni cellulari Tim. Viene chiamato a creare un intero mondo a fumetti che ruota attorno al nuovo mezzo di comunicazione.

Ascrivibile alla scuola del “Nuovo fumetto italiano” assieme ad autori come Giacon, Igort e Mattotti, Baldazzini inizia presto a cimentarsi con la pittura. Da un primo momento contraddistinto da un’estetica ironico-nostalgica nel quale le sue tele sembrano rifarsi ai frame televisivi di vecchi serial americani, passa ad interpretare, con grandi ritratti su tela o su legno sagomato, le sue eroine: da Stella Noris a Chiara Rosenberg.

martedì 6 ottobre 2009

Da Paperinik a PK – Viaggio fra i supereroi Disney


Comunicato stampa dal sito di Rapalloonia!:
RAPALLOONIA! O N L U S
ASSOCIAZIONE CULTURALE PER LA VALORIZZAZIONE DEL FUMETTO

Paperinik protagonista della XXXVII edizione della Mostra Internazionale dei Cartoonists di Rapallo

Dal 3 al 18 ottobre l’Antico Castello sul Mare di Rapallo ospiterà una rassegna delle tavole originali del personaggio in costume più amato dell’universo disneyano

A CURA DI CARLO CHENDI E SERGIO BADINO, CON LA DIREZIONE OPERATIVA DI UGO CANONICI

Genova, 30 settembre 2009 – “Da Paperinik a PK – Viaggio fra i supereroi Disney” è il tema della XXXVII edizione della Mostra Internazionale dei Cartoonists (M.I.C.) di Rapallo, organizzata dall'Associazione Culturale Rapalloonia! ONLUS, che debutterà il prossimo 3 ottobre nell’Antico Castello sul Mare di Rapallo. La Mostra è realizzata con il supporto dell’Assessorato alla Cultura della Regione Liguria e del Comune di Rapallo e con il patrocinio della Provincia di Genova e dell’UNICEF.
Prosegue inoltre il rapporto con Cartoons on the Bay, il Festival internazionale dell’animazione e della multimedialità organizzato da Rai Trade, già avviato nel corso dell’ultima edizione grazie al trasferimento del festival proprio a Rapallo.
Non è certo un caso che sia proprio Paperinik il protagonista dell’edizione 2009 della M.I.C.: l’alter ego mascherato di Paperino, che celebra quest’anno i suoi 40 anni di gloria, è l’unico personaggio creato da autori italiani che ha avuto un simile successo nel mondo. Ideato da Guido Martina grazie a un’intuizione di Elisa Penna e realizzato graficamente dal Maestro genovese Giovan Battista Carpi, Paperinik vede la luce nel 1969 con “Paperinik il diabolico vendicatore”.
Si tratta della prima storia a fumetti in cui Paperino, dotato di una nuova identità trionfatrice, può finalmente vivere avventure fuori dagli schemi comuni della sua normale routine e interpretare un ruolo diverso da quello dell’eterno sconfitto.
Quest’esposizione ripercorre il successo del ben noto super papero dalle origini fino alla sua più recente evoluzione:
PK, figura ispirata ai più celebri eroi in calzamaglia statunitensi. In mostra le tavole originali di alcune tra le più belle storie di Paperinik di tutti i tempi oltre a schizzi, layout e studi dei personaggi delle tre serie di PK.
“Se Paperino è l’emblema dell’uomo medio”, ha dichiarato Carlo Chendi, autore e co-curatore, “Paperinik è quello che l’uomo medio vorrebbe essere: forte, intelligente e invincibile. È proprio per questo sogno dell’uomo che, in tutte le epoche, si sono creati i miti dei supereroi. A parte gli dei greci, comunque non umani ma divini, il primo supereroe umano chi è se non Achille? Il mito prosegue con Parsifal, molto più tardi arriva Zorro (che in qualche modo ricorda molto Paperinik), poi Superman, Batman (ma anche Asterix e Obelix) e infine tutti i super della Marvel, dall’Uomo Ragno all’Incredibile Hulk: guarda caso ora passati tutti alla Disney a far compagnia al nostro Paperinik”.
A corredo dell’esposizione è stato prodotto un ricco volume (realizzato da Rapalloonia! e Deus Editore), che nasce come catalogo della mostra, ma ne travalica il confine perché fruibile come pubblicazione autonoma, compendio critico e approfondimento inedito su Paperinik. È un libro di respiro internazionale, poiché presenta testi in italiano e in inglese e si sofferma – attraverso gli interventi di autorevoli saggisti e autori italiani e stranieri – sul vasto campionario di personaggi in costume facenti parte dell’universo Disney nati ai quattro angoli del globo.
Insieme a Paperinik, il volume presenterà infatti una rassegna di alcuni tra i principali personaggi in costume dell’universo Disney che, dietro un’insospettabile quotidianità, celano identità mascherate e poteri sensazionali.
Comicità e tratti parodistici caratterizzano i supereroi disneyani con una doppia identità, ognuno dei quali conserva sempre le goffaggini e le incertezze dei propri panni “borghesi”. Un esempio fra tutti è Super Pippo, lo sgangherato ego parallelo supereroico di Pippo, antesignano statunitense di Paperinik. Sempre di origine italiana e nati sulla scia di Paperinik ricordiamo Paperinika, la controparte mascherata di Paperina, e Tuba Mascherata, alias Paperon de’
Paperoni.

Related Posts with Thumbnails